itenfrdeptrues

Accordi pre - matrimoniali tra coniugi

Accordi pre - matrimoniali tra coniugi

                                                           avv. Roberto Campagnolo

 

Gli accordi pre - matrimoniali e i contratti di convivenza non sono esplicitamente contemplati nell’ Ordinamento italiano, mentre rappresentano una realtà consolidata, sebbene relativamente recente, nel diritto di common law.

In realtà, anche il diritto romano conosceva pacta nuptialia, quali costituzione di dote e sua restituzione in caso di divorzio; tuttavia é nei Paesi anglosassoni che l’ istituto si é affermato, sotto la denominazione di “prenuptial agreements”. Questi sono volti a regolare gli svariati aspetti, patrimoniali e non, del matrimonio, nonché l’eventuale crisi coniugale.

Ben oltre l’ accusa di essere in qualche modo diretti a favorire il divorzio, negli Stati Uniti i patti prematrimoniali costituiscono una prassi ormai ampiamente consolidata, sebbene ancora con sostanziali differenze fra Stato e Stato.

Tali patti, qualora a contenuto patrimoniale, devono rappresentare in maniera fedele la situazione economica dei coniugi, pena la nullità; nullità é altresì comminata in caso di esclusione dall’ obbligo di mantenimento e dalle prestazioni alimentari nei confronti del coniuge il quale versi in stato di bisogno.

Peraltro, essi possono riguardare le questioni più disparate, quali l’ affidamento congiunto dei figli, il risarcimento in caso d’ infedeltà coniugale, l’ uso della casa coniugale.

Per contro, in Inghilterra tali patti non sono vincolanti.

Nei Paesi di civil law la posizione giuridica rispetto agli accordi prematrimoniali é ampiamente diversificata.

In Germania, ad esempio, le parti sono vincolate agli accordi assunti precedentemente al matrimonio, fino a poter escludere totalmente l’ assegno di mantenimento; la Francia é più restrittiva, la Spagna più permissiva.

In Italia vi sono resistenze all’ introduzione dei patti prematrimoniali nel nostro Ordinamento. Ciò é dovuto a molteplici fattori.

Innanzi tutto, per la Chiesa cattolica il matrimonio é un sacramento, e quindi assurge ad un significato religioso: da qui una notevole rigidità, trasfusa anche nel nostro codice civile; tuttavia, nel diritto canonico, i patti prematrimoniali rilevano sul piano probatorio: essi infatti assumono valore documentale, in quanto spesso implicano una riserva mentale idonea, insieme ad altri elementi processuali, a giustificare una pronunzia di nullità del vincolo.

Inoltre, il nostro Codice civile assegna al diritto di famiglia un preminente valore pubblicistico; ciò é particolarmente evidente in presenza di figli minori, ma non solo.

Le cose oggi stanno cambiando: se sussiste ancora un vuoto legislativo, che pone l’ Italia in posizione arretrata rispetto al progetto di un diritto di famiglia europea, la giurisprudenza della Corte di Cassazione sembra aver finalmente segnato un nuovo orientamento.

La Suprema Corte, infatti, con sentenza I sez. civile 21.12.2012, n. 23713, é giunta cautamente ad affermare la validità delle pattuizioni anteriori al matrimonio, sulla scia di Tribunale Torino 20 aprile 2012, sentenza la quale stabilisce che “ l’ accordo sui profili patrimoniali tra i coniugi in sede di separazione legale e in vista del divorzio non contrasta con l’ Ordine Pubblico, né con l’ art. 160 c.c. “.

Questo orientamento segna una decisiva inversione di rotta rispetto anche solo alla recente Cassazione n. 1084 del 25 gennaio 2012, che ribadiva la nullità di patti patrimoniali volti a regolare il futuro assegno divorzile, e ciò per la natura assistenziale dello stesso.

E’ bene sottolineare come la Suprema Corte non metta in discussione l’ impianto del nostro Codice civile: lo status del coniuge non può essere negoziato: infatti, non viene posto in questione il rapporto né il vincolo di coniugio, ma solo la sua genetica costituzione.

Solo nel caso in cui il patto pre - matrimoniale incida sulla struttura del vincolo, o su diritti indisponibili, quali il mantenimento e gli alimenti, i doveri verso i figli minori, l’ anticipata durata e/o scioglimento del vincolo, esso é affetto da nullità.

Ma allora come si configura la fattispecie de quo, da cui si é mossa la sentenza di Cassazione, di pattuizione di un corrispettivo, costituito dalla cessione di un immobile di proprietà, a fronte di spese per l’ abitazione ex coniugale, in caso di divorzio?

Semplice: per la Cassazione trattasi di un contratto lecito e meritevole di tutela, ai sensi dell’ art. 1322 c.c., in cui lo scioglimento del matrimonio opera come condizione sospensiva.

Sulla scorta di questa sentenza, é bene precisare che accordi pre - matrimoniali concernenti indirizzi di vita comune sono pienamente leciti; sono nulli, invece, tutti quei patti pre - matrimoniali che concernano future disposizioni di diritti in sede di separazione e divorzio, o che contrastino con norme di carattere pubblicistico.

Così, gli accordi matrimoniali non possono derogare alle norme imperative relative all’ amministrazione dei beni della comunione e all’ uguaglianza delle quote; essi non possono riguardare né gli assegni di mantenimento, né l’ affidamento dei figli. E’ bene sottolineare, inoltre, come l’ accordo matrimoniale non possa prevedere le modalità dell’ eventuale separazione; ciò per l’ indisponibilità del vincolo matrimoniale, legata al tempo in cui la volontà di scioglimento si verifica in concreto.

Allo stato attuale dell’ evoluzione giurisprudenziale, tuttavia, sembra ammettersi un contratto atipico con condizione sospensiva lecita, data dalla separazione dei coniugi, restando invece escluso (e quindi nullo) un accordo prematrimoniale in vista della separazione o del divorzio.

Così infatti Cassazione, nella sentenza I sez. civile 21.12.2012, n. 23713:

é valido l’ impegno assunto dai nubendi in caso di fallimento del matrimonio, qualificandolo non come accordo prematrimoniale in vista del divorzio, ma come contratto atipico con condizione sospensiva lecita, espressione dell’ autonomia negoziale dei coniugi diretto a realizzare interessi meritevoli di tutela ai sensi dell’ art. 1322 c.c.”.

E’ fatto salvo il limite dell’ ordine pubblico, l’ illiceità, il contrasto con norme imperative e buon costume.

La questione sottoposta alla Suprema Corte, giova ricordarlo, concerneva la validità di un accordo in cui i futuri coniugi prevedevano che, in caso di separazione, la moglie sarebbe stata tenuta a risarcire il consorte per le spese da lui sostenute nella ristrutturazione dell’ immobile di proprietà della donna. Nella sentenza sopra indicata, tale accordo viene qualificato dalla Cassazione “ ... non un’ ipotesi di accordo pre - matrimoniale nullo per illiceità della causa, ma una datio in solutum”.

La Corte distingue, infatti, fra accordi patrimoniali che hanno ad oggetto diritti che sorgono a causa della separazione, e rapporti che regolano due soggetti a prescindere dal rapporto di coniugio, rispetto al quale lo scioglimento del vincolo costituisce pura condizione sospensiva, e non genetica costituzione dello stesso.

Al di là di questa, pur significativa, apertura, la Corte di Cassazione ribadisce che l’ esistenza di un accordo preventivo potrebbe condizionare scelte dell’ individuo ( come quella di divorziare ) che devono rimanere del tutto libere.

Giova segnalare un’ apertura ancora maggiore da pare del Tribunale di Torino (sez. VII, ordinanza 20 aprile 2012), il quale, attraverso una puntuale disamina delle argomentazioni addotte a riprova della nullità degli accordi raggiunti tra i coniugi in caso di divorzio, giunge a sostenerne la piena ammissibilità.

Se la giurisprudenza si dimostra sul punto ancora oscillante, non sembrano porre ulteriori problemi, invece, gli accordi preventivi sulle conseguenze economiche della pronuncia di annullamento del matrimonio, relativamente ai quali la giurisprudenza di legittimità si é da tempo pronunciata in senso favorevole ( Cass. n. 348/ 93).

La distinzione operata da Cassazione fra causa genetica dell’ accordo e condizione sospensiva cui ricondurre il fallimento del matrimonio é stata da autorevole dottrina (Oberto) giudicata insostenibile: l’ unica distinzione ammissibile sarebbe quella fra contratti che vedono il profilo personale oggetto della prestazione da un lato, e contratti che vedano il medesimo profilo dedotto quale evento in condizione dall’ altro.

E’ stato rilevato, in sede di discussione parlamentare in vista della presentazione di un Disegno di Legge in materia, come i patti pre - matrimoniali potrebbero ridurre i tempi della giustizia, abbattendo nel contempo drasticamente il livello di conflittualità nella coppia.

Tali patti, nel nostro Ordinamento, non potrebbero comunque, a causa di uno squilibrio nel sinallagma, andare a ledere i diritti del coniuge più debole, ovvero disporre preventivamente circa l’ affidamento dei figli.

Anche con queste limitazioni, sono generalmente considerati validi i cosiddetti “ patti aggiunti”, aventi lo scopo di definire rapporti di natura economica non toccati dal vincolo di coniugio, di talché anche in caso di scioglimento del matrimonio essi mantengono la loro validità.

Diversamente, l’ art. 24 della nostra Costituzione stabilisce l’ irrinunciabile diritto di difesa, cosicché non può essere stabilito preventivamente l’ assegno divorzile, pur nella previsione di un successivo giudizio.

Nei Paesi di diritto di common law, invece, come per tutti gli altri contratti, vige il principio che chi sottoscrive un accordo sia pienamente consapevole delle conseguenze presenti e future; da cui si é liberi sia di sposarsi o meno, sia di divorziare, con piena validità degli accordi patrimoniali.

Storico fu l’ accordo patrimoniale fra Aristotele Onassis e Jaqueline Kennedy, in cui gli aspetti patrimoniali e personali del matrimonio furono analizzati e messi per iscritto fino ai più piccoli dettagli.

Ai giorni nostri si ricordano quali celebri esempi di ricorso ai patti pre - matrimoniali il matrimonio fra gli attori Brad Pitt e Angelina Jolie, e soprattutto quello fra William d’ Inghilterra e Kate Middleton, del tutto “ sbilanciato” a favore del primo, contemplando esso l’ affidamento dei figli al Principe, indipendentemente dalle cause di scioglimento del matrimonio; ma non bisogna lasciasi ingannare dalla celebrità dei nomi che hanno fatto ricorso ai pre - nuptial agreements: nei Paesi di common law nel 90% dei matrimoni, specie nel caso in cui é in gioco un rilevante patrimonio personale, si accede agli accordi pre - matrimoniali.

In Italia trovano maggiore libertà i patti fra conviventi, i quali possono stabilire la divisione delle spese e persino il caso in cui, al venir meno del rapporto affettivo, sia versata una somma a favore del partner più debole.

La sedicesima legislatura ha prodotto il Disegno di Legge n. 2629/2012, avente ad oggetto l’ introduzione degli accordi pre - matrimoniali nel nostro Ordinamento.

Il Disegno di Legge prevede, all’ art. 162 - bis c.c., l’ autorizzazione ai futuri coniugi a stipulare un patto matrimoniale che regoli gli aspetti patrimoniali conseguenti alla separazione, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio.

Essi prevedono espressamente la possibilità di esclusione del coniuge dalla successone necessaria, e persino, ai sensi degli artt. 2 e 3 , che l’ accordo pre - matrimoniale possa derogare alla legge sul divorzio.

All’ art. 1 del Disegno di Legge, inoltre, si puntualizza come il regime patrimoniale vigente fra i coniugi sarà, in mancanza di diversa pattuizione, il regime della separazione dei beni.

Nella relazione al Disegno di Legge si auspica che tale introduzione di nuovi elementi in un istituto così tradizionale come il matrimonio sia un disincentivo al divorzio.

Analoga proposta é stata avanzata dal Consiglio Nazionale del Notariato, e presentata in occasione del convegno che si é tenuto a Torino a novembre del 2011; la proposta d’ introdurre accordi pre - matrimoniali é stata anche presentata, corredata da uno studio, alla Commissione Giustizia del Senato dall’ associazione matrimonialisti italiani (AMI).

C’ é chi ritiene che, qualora adottate, le convenzioni matrimoniali agevolerebbero le separazioni, e che il vincolo matrimoniale non sarebbe affrontato con lo stesso impegno e la stessa serietà.

La possibilità di ricorrere a convenzioni pre - matrimoniali, dall’ altro, avrebbe il pregio di diminuire le separazioni giudiziali, di ridurre le spese processuali ed accorciare i tempi oggi troppo lunghi delle separazioni; l’ Autorità giudiziale potrebbe comunque essere chiamata ad intervenire circa l’ equità delle pattuizioni fra i coniugi, specie nel precipuo interesse dei figli minori.

La strada per allinearci agli altri Paesi, specie a quelli di diritto common law, é comunque ancora lunga e non scevra di problematicità, e questo rallenta inevitabilmente anche il processo di formazione di un diritto di famiglia europeo ... e chi ha detto che gli elementi di rigidità ancora presenti nel nostro Ordinamento siano posti a solo detrimento del vincolo matrimoniale, e non alla sua protezione?

Milano, 28.05.2014

avv. Roberto Campagnolo

Menu Principale

Specializzazioni

Pubblicazioni

Monografie del Prof. Roberto Campagnolo:

Separazioni Divorzi Convivenze-01

“Separazioni Divorzi Convivenze”
Pubblicazione online
anno 2013.
Avvocato matrimonialista divorzista R. Campagnolo.

La famiglia di fatto, gli accordi matrimoniali, la destinazione della casa familiare, lo status unico di figlio, la bigenitorialità, l’affidamento esclusivo e condiviso, il divorzio breve, ecc.
 

Successioni mortis causa

“Successioni mortis causa”, UTET (Torino) 2011.

Successioni e donazioni

“Successioni e Donazioni”, Giuffrè (Milano) 2009.

Pubblicazioni collettanee del Prof. Avv. Roberto Campagnolo, CEDAM, 2005, con aggiornamenti biennali.

Linguaggio e regole diritto privato

"Linguaggio e regole del diritto privato. Casi, domande e schede.", Giovanni Iudica, Paolo Zatti, Ed. Cedam.

Casi pubblicati dal Prof. Avv. Roberto Campagnolo e trattati nelle lezioni presso l'Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano, in tema di separazioni, successioni, contratti.

Pubblicazioni del Prof. Roberto Campagnolo:

Codice Civile Annotato

Codice Civile Annotato
Editrice Egea
anno 2014.

Il Prof. Avv. Roberto Campagnolo ha collaborato con i più importanti docenti italiani per l'annotazione dell'ultimo codice civile per quanto riguarda la parte del diritto di famiglia e successioni.

Il Civilista
Giuffrè Editore.

L'avv. Roberto Campagnolo ha pubblicato sulla rivista Il Civilista l'articolo relativo all'ammissibilità della clausola arbitrale nel testamento e la sua relativa funzione di prevenire liti future tra gli eredi.

Donazioni indirette - Successioni

L'avv. prof. Roberto Campagnolo ha pubblicato per la rivista Patrimonia&Consulenza (Successioni e Protezione Patrimoniale) un articolo sulle donazioni indirette.
 
UN REGALO con mille cavilli   Il padre che paga la casa del figlio. La polizza assicurativa a favore di un terzo. Persino il trust può essere utilizzato per scopi liberali. Ma le donazioni indirette presentano diverse implicazioni  successorie e tributarie. Una guida ragionata per districarsi tra codici  e  giurisprudenza. di Roberto Campagnolo   Qualsiasi forma di donazione indiretta o di stipulazione a favore di terzo può realizzare una liberalità indiretta laddove l’attribuzione al terzo beneficiario sia ef- fettuata a titolo liberale e non sorretta da altra causa. Anche la remissione di un debito può essere utilizzata quale negozio mezzo per attuare una donazione indiretta, ogniqualvolta vi sia la volontà di avvantaggiare il debitore per mero spirito di liberalità e la remissione non sia, inve- ce, utilizzata per altri scopi, quale, ad esempio, ottenere benefici fiscali. Tra le ipotesi più frequenti, certamente, rientra l’assicura- zione a favore di terzo, precisando però che oggetto della donazione indiretta non sarà l’indennità pagata dall’assi- curatore, ma il premio pagato dal sottoscrittore. Di ciò si ha conferma in due specifiche disposizioni nor- mative: gli articoli 741 e 1923 del codice civile. Altri negozi che possono concretizzare un risultato liberale senza dover ricorrere al contratto tipico di donazione possono essere la delegazione, l’espromissione e l’accollo. Così come il trust, che potrebbe potenzialmente essere utilizzato per scopi liberali, ma non si potrà avere donazione indi- retta nei rapporti tra settlor e tru- stee o tra quest’ultimo e il benefi- cary, bensì solo ed esclusivamente in quelli intercorrenti tra settlor e beneficiario. Tuttavia, l’ammissibi- lità di tali ipotesi è fortemente di- scussa, ritenendosi da molti autori che una simile liberalità potrebbe violare alcune delle inderogabili norme sostanziali applicabili anche alle donazioni indirette (divieto di donazione di beni futuri, art. 771 c.c.; divieto di rappresentanza vo- lontaria nella donazione, art. 778 c.c.). Ma la figura che, certamente, si rinviene più spesso nella pratica di tutti i giorni e che comporta le più annose questioni in tema suc- cessorio è l’acquisto di un bene (generalmente un immobile) da parte di un soggetto (si ipotizzi, un figlio), con denaro somministrato da una diversa persona (nell’esem- pio, il padre). Tale risultato può essere raggiunto attraverso due diverse vie. Il padre interviene solo al momento del pagamento del prezzo e, attraver- so un adempimento del terzo (art. 1180 c.c.), salda il dovuto diretta- mente a favore del venditore. Ovvero, il padre potrebbe, ante- riormente all’acquisto, fornire al figlio la provvista necessaria all’ac- quisto. Secondo la giurisprudenza della Suprema Corte (fra tutte si veda Cass. Civ., Sez. 2, Sentenza n. 17604 del 04/09/2015), nel primo caso, oggetto della donazione in- diretta sarebbe l’immobile e non il denaro; nel secondo, invece, non si sarebbe in presenza di una dona- zione indiretta, ma di una dona- zione diretta del denaro. Appare opportuno sottolineare come la giurisprudenza abbia di recente precisato il proprio orien- tamento, affermando che si avrà donazione indiretta dell’immobile e non del denaro, solo laddove il pagamento effettuato dal terzo sia pari  all’intero  prezzo  pattuito per la vendita, giacché la corresponsio- ne del denaro costituisce una di- versa modalità per attuare l’iden- tico risultato giuridico-economico dell’attribuzione liberale dell’im- mobile esclusivamente nell’ipotesi in cui ne sostenga l’intero costo (così Cass. Civ., Sez. 2, Sentenza n. 2149 del 31/01/2014).  Donazione indiretta e donazione simulata Quando  si  tende  a  parificare    le ipotesi di donazione indiretta con quelle di simulazione, spesso, si può cade in errore. Ritornando alla figura più conosciuta di donazione indiretta (l’acquisto di un bene da parte del figlio, con denaro sommi- nistrato dal genitore), la donazione non va confusa con il diverso caso di trasferimento diretto dal genitore al figlio attraverso un negozio qualifi- cato dalle parti come “vendita”, ma senza che vi sia alcun effettivo paga- mento di un corrispettivo. In questa ipotesi, non si ha un negozio mezzo (la “vendita”) attraverso cui realiz- zare un arricchimento per spirito di liberalità; si avrà, invece, una vera e propria donazione diretta dissimu- lata. Si hanno, pertanto, due distinti negozi: uno reale (la donazione) ed uno fittizio (la vendita). Importante corollario di questa distinzione è la necessità che il negozio “fittizio” – nell’esempio la vendita – rispetti  i requisiti di forma imposti per i veri e propri negozi donativi, ossia l’atto pubblico notarile con l’irrinunciabi- le presenza dei testimoni, a pena di nullità.  Donazioni indirette e implicazioni successorie Tra  le  norme  di  carattere sostanziale dettate in materia di dona- zioni dirette e applicabili anche alle forme indirette di liberalità, una posizione di rilievo è occupata da quelle relative alla collazione, e imputazione. La realizzazione del- lo scopo liberale attraverso un ne- gozio mezzo non sottrae, infatti, il lascito munifico dagli obblighi ed oneri testé citati. Solo una espressa dispensa da imputazione e/o colla- zione potrà far sì che la    liberalità indiretta non sia soggetta alla re- lativa disciplina. Tutto ciò, ovvia- mente, nei soli limiti della quota disponibile. Così come le liberalità dirette, anche le donazioni indi- rette non possono ledere i diritti riservati dalla legge ai legittimari e, se lesive di tali diritti, saranno aggredibili con l’azione di riduzio- ne. Così, nell’esempio di acquisto di bene immobile con denaro del proprio genitore, il figlio, all’aper- tura della successione e qualora ne ricorrano i presupposti, sarà tenuto alla collazione del bene immobile ricevuto.  Analogamente,  il  legittimario leso che volesse agire in riduzione a tutela dei propri di- ritti, dovrebbe imputare (ai sensi dell’art. 564 c.c.) le donazioni, an- che indirette, ricevute in vita dal defunto.  Profili tributari nelle donazioni indirette L’Agenzia  delle  Entrate  ha avuto modo di precisare, nella circolare n. 30/E dell’11/08/2015 il pro- prio orientamento in ordine alla tassazione delle liberalità indiret- te. Avendo gli artt. 1 del D. Lgs. 346/1990 e 2, comma 47, del D.L. 262/2006, attribuito rilevanza fiscale ai fini dell’imposta di suc- cessione anche ai “trasferimenti di beni e diritti ... a titolo gratuito”, non si dubita che rientri nell’ambito applicativo ogni forma di liberalità tra vivi, compresa quella indiretta. L’imposta si applicherà tanto alle liberalità indirette risultanti da atti soggetti a registrazione, quanto a quelle caratterizzate dall’assenza di un atto soggetto a registrazione. Tuttavia, ai sensi dell’art. 1, com- ma   4-bis   D.Lgs.   346/1990  tale   imposta non dovrà essere applicata nei casi di donazioni o altre libe- ralità collegate ad atti concernenti il trasferimento o  la  costituzione di diritti immobiliari ovvero il tra- sferimento di aziende (non quote o azioni), qualora per l’atto sia pre- vista l’applicazione dell’imposta di registro, in misura proporzionale o dell’imposta sul valore aggiunto. Sempre con riferimento all’ipotesi più rilevante di donazione indi- retta sopra  richiamata,  pertanto,  in ragione dell’eccezione di cui sopra, sarà opportuno dichiarare nell’atto notarile  di  acquisto  che il pagamento è avvenuto a  cura del soggetto donante, in modo da garantire trasparenza non solo nei rapporti inter famigliari, bensì e soprattutto anche nei confronti dell’Agenzia delle Entrate. Al di fuori dei casi disciplinati dal- la norma in esame, anche le dona- zioni indirette saranno soggette ad imposta, ai sensi dell’art 56-bis del D.Lgs. 346/1990, armonizzato in ragione delle aliquote e franchi- gie attualmente vigenti. Pertanto, dette liberalità saranno tassate  dif-   ferentemente, a seconda che la do- nazione emerga a seguito di un ac- certamento condotto nei confronti del contribuente, ovvero derivi da registrazione volontaria delle parti. Nel primo caso l’aliquota sarà sempre pari all’8% e troveranno applicazione le franchigie previste in tema di imposta di successione  e donazione a seconda del grado di parentela o dello status del dona- tario (1 milione di euro per il per coniuge ed i parenti in linea   retta; 100.000 euro per fratelli e sorelle; 1,5 milioni di euro per soggetti portatori di handicap). Nelle ipotesi di registrazione vo- lontaria, invece, anche le aliquote saranno differenti, a seconda del grado  di  parentela  intercorrente tra donante e donatario; si appli- cherà, pertanto, l’aliquota del 4% alle donazioni tra coniugi o parenti in linea retta; del 6% a quelle tra fratelli o sorelle; dell’8% alle dona- zioni effettuate a favore di soggetti portatori di handicap). Anche in tali ipotesi rimarranno operative le franchigie sopra esa- minate.    Donatari, donanti e Agenzia delle Entrate: un breve vademecum  Nella prassi sono assai frequenti i casi di donazioni tra familiari: i genitori che versano del denaro sul conto del loro figlio per l’acquisto di un’auto o di un immobile. L’Agenzia delle Entrate ha necessità di verificare la tracciabilità dei bonifici sia in entrata che in uscita soprattutto quando vi sia uno scostamento del 20% rispetto al reddito normalmente percepito dal donatario. In poche parole l’amministrazione finanziaria deve verificare che non si tratti di somme cc.dd. “a nero”. Come cautelarsi?   Oltre all’indicazione della causale nel bonifico, sarà opportuno redigere una scrittu- ra privata tra donante (genitori) e donatario (figlio) nella quale si indichino le somme versate e la data del versamento.  Per far sì che la data sia certa basterà inviare anche a sé stessi la scrittura a mezzo raccomandata (il timbro postale renderà così la data certa ed incontestabile) o attra- verso lo scambio della scrittura con posta elettronica certificata.   Nota bene: la scrittura privata può essere utilizzata solo per le somme di modico valore; in caso contrario sarà necessario l’atto notarile.

Art Advisor

L'avv. prof. Roberto Campagnolo tiene una rubrica sul diritto dell'arte per la rivista Patrimonia&Consulenza (Successioni e Protezione Patrimoniale).
 
Qualche mese fa ha fatto scalpore il ritrovamen- to di un’opera di Caravaggio nella soffitta di una casa vicino a Tolosa  in  Francia, valutata intorno ai 120 milioni di euro. E che dire poi delle quotazioni stellari dei capolavori dei grandi maestri dell’arte moderna e contemporanea battute dalle case d’asta internazionali? Sfogliando le classifiche delle opere d’arte più costose si scopre per esempio che il dipinto di Pablo Picasso “Les Femmes d’Alger” è stato battuto ad un’asta di Christies’s a New York per 179,3 milioni di dollari, battendo tutti i record delle opere più costose della storia. E ancora il “Nu couché” di Amedeo Modigliani è stato aggiudicato per la stratosferica cifra di 170,4 milioni di dollari sempre durante un’asta di Christie’s a New York.    LUGLIO SETTEMBRE Successioni e Protezione Patrimoniale         Secondo un recente rapporto di Skate’s, uno dei principali operatori mondiali dell’art business, il mer- cato dell’arte ha raggiunto il valore di 53,8 miliardi di dollari, domi- nato da una ristretta élite di riser- vatissimi nomi, ma sempre più dif- fuso anche tra le fasce medio-alte di appassionati e investitori. L’ap- proccio all’arte come investimento è un’idea che all’estero è maturata già da diversi anni: il prototipo na- sce negli Stati Uniti nel 1979, e la Deutsche Bank ha messo insieme dal 1979 circa 50.000 opere d’ar-  te moderna offrendo consulenza, seguita poi da Citigroup Private Banking che offre questo servizio da oltre 20 anni grazie al proprio art advisory department situato a New York.  Ma chi è l’art advisory? Si tratta di una figura di mediazio- ne che associa alla conoscenza del- la storia dell’arte, capacità critiche e competenze economico-finan- ziarie. L’art advisor è infatti una figura professionale che ha preva- lentemente il compito di orientare i propri clienti nell’acquisto e/o inve- stimento in opere d’arte, indicando quando e cosa vendere e comprare, secondo le proposte di mercato, at- traverso un’attività di ricerca e ana- lisi del mercato dell’arte, con criteri di riservatezza, in alternativa alla vendita pubblica presso case d’asta. La consulenza è declinata in varie forme: da quella relativa alla fase di creazione di una collezione d’arte, che  comprende  sia  l’acquisto  sia la vendita, alla consulenza per le strategie di gestione e di valoriz- zazione personalizzate; da quella per la protezione dei patrimoni artistici  ereditati,  alla consulenza      tecnico-logistica, assicurativa e alla assistenza legale, con riguardo a singole opere d’arte o a intere col- lezioni. Nella maggior parte dei casi l’art advisor è una figura che opera in- dividualmente, come freelance. In Italia non esiste né un albo profes- sionale né un organo di controllo, quindi l’autodefinirsi art advisor comporta dei rischi per quanto ri- guarda la credibilità della figura, che non sempre è garanzia di    serietà  e  fiducia.  Allo stesso tempo, non esiste un percorso accademi- co ad hoc e assieme a una prepa- razione teorica storico-artistica è necessario affiancare esperienze pratiche, quali workshop, corsi professionali post laurea, la lettu- ra di articoli, la frequentazione di mostre, musei e gallerie d’arte. È fondamentale, inoltre, viaggiare e seguire l’andamento del mercato artistico attraverso le fiere e le aste. È importante  che  l’art  advisor sia   anche  un  legale,  in  quanto potrà così redigere durante le  trattati-  ve la c.d. LOI (lettera di intenti) sottoscritta dal futuro buyer, esa- minare le clausole del POF (lettera di garanzia di una banca del buyer) e redigere gli eventuali contratto preliminare e contratto definitivo. Ovviamente, saprà condurre le trattative con buona fede e discrezione, come richiede la propria deontologia professionale. Una garanzia in più per il closing.    Le opere d’arte e la successione di Roberto Campagnolo  Il D.Lgs. 346/90 prevede una tassazione con franchigie (1.000.000 di euro per coniuge e paren- ti in linea retta; 100.000 euro per fratelli e sorelle; 1.500.000 euro per soggetti portatori di handicap grave) ed aliquote variabili (del 4%, 6% ed 8%) in ragione del grado di parentela esistente tra il defunto e gli eredi. La tassazione (salve le eccezioni previste in ordine a beni immobili, partecipazioni sociali ed altri casi specifici) dovrebbe essere effettuata sulla base dei valori di mercato dei beni caduti in suc- cessione. In realtà, l’articolo 9 del D. Lgs. 346/90 prevede che si considerano compresi nell’attivo ereditario denaro, gioielli e mobilia per un importo pari al 10% del valore dell’asse ereditario netto (ossia, secondo l’orientamento prevalente, eccedente le even- tuali franchigie) anche se non dichiarati o se dichiarati per un importo inferiore. La norma in esame precisa che “si considera mobilia l’insieme dei beni mobili destinati all’uso o all’orna- mento delle abitazioni, compresi i beni culturali non sottoposti a vincolo”, potendosi far rientrare, quindi, in tale categoria cer- tamente le opere d’arte custodite in abitazioni private. Resta- no escluse da tale presunzione, pertanto, le opere custodite in luogo diverso, sulle quali dovrà applicarsi l’imposta in base al valore di mercato. Potrebbe ritenersi, semplicisticamente, non necessario indi- care nella dichiarazione di successione l’esistenza delle opere presenti all’interno di immobili di proprietà del defunto, avvantaggiandosi, in virtù della presunzione di cui sopra, di un indubbio vantaggio fiscale. Occorre, tuttavia, precisarsi come l’omessa indicazione potreb- be far sorgere problematiche in ordine alla prova sulla titolarità dell’opera, in caso di vendita da parte dell’erede. Deve, inoltre, segnalarsi come la disposizione normativa citata operi una presunzione, come tale superabile dalla prova contraria essendo, pertanto, consentito al contribuente di dimostrare, attraverso un dettagliato inventario dei beni, un imponibile inferiore.

Visitatori

348532